Il Mondo di Mauro & Lisi

 



 

 

 

Home

La Serie

Lussembrugo

Skara Brae

Messel

Padova

Tallinn

I Prequels - 6

Gigante

I Prequels - 7

Il complotto di Roma

I Prequels - 8

M&L a Roma

M&L-Pedia

Autrice

News

Concorsi

UNESCO

PassePartout

Dove trovarci

M&Lchandising

Guest Book

Contatti

Foreign Reights

 

 

 IL PATRIMONIO DELL'UMANITA' DELL'UNESCO                      di Mauro

 

    Fin da quando ero piccolo e andavo a scuola l'UNESCO risvegliava in me i più grandi ideali.

Il primo ad avermene parlato è stato mio padre, Ruggero Cavalieri. Un giorno, mentre visitavamo i Fori Romani, mi disse che nel 1972 i Popoli uniti della Terra aveva deciso di tutelare i siti più belli del mondo, fossero essi stati di importanza culturale o naturale, e che il Centro storico di Roma era stato uno dei primi luoghi ad essere stato inserito nella Lista.
Di cosa stava parlando?
Del Patrimonio dell'Umanità dell'UNESCO.

Che cosa bella... risposi completamente affascinato e nostro padre mi raccontò anche che tutti noi, e non solo l'UNESCO, eravamo chiamati a rispettare, tutelare e difendere questo Patrimonio meraviglioso che il passato ci ha tramandato, perchè proprio perchè è "dell'Umanità" appartiene ad ognuno di noi.

All'epoca Lisi era appena nata ed io ero un adolescente con tanti ideali e molti sogni. Da allora ne è passata di acqua sotto i ponti, ma anche se nostro padre ormai non c'è più, le sue parole sono scolpite nel mio cuore come se me le avesse ripetute questa mattina prima di andare a lavoro.

Nel frattempo io mi sono laureato con lode in Scienze Politiche con una tesi proprio sul Patrimonio dell'Umanità ed ho incontrato Augusto Di Belardino, il mio superiore all'UNESCO Italia.

Dopo cinque anni passati come tuttofare ecco che arriva la mia agognata promozione: sono diventato Ispettore UNESCO. Ogni volta che succede qualcosa ad uno di questi siti sparsi per il mondo posso partire per cercare di fronteggiare i pericoli e proteggere il nostro Patrimonio. Avevo realizzato il sogno della mia vita...

Voi forse vi state chiedendo perchè mi sia sempre identificato in questa istituzione. La risposta è semplice.

L'UNESCO rispecchia i valori che mi hanno tramandato i miei genitori. Mi piace chi si batte per dare un futuro al nostro passato. Chi comprende che per andare avanti deve conoscere e rispettare le nostre radici. Chi tutela un patrimonio che proprio perché è così prezioso appartiene a tutti noi.
Ed io sono felice di poter fare qualcosa di concreto per contribuire alla salvaguardia di questa eredità comune.

I siti inseriti nel Patrimonio dell'Umanità sono ad oggi, giugno 2011, 936 (di cui 725 culturali, 183 naturali e 28 misti), ma ogni anno la Lista si infittisce di nuovi luoghi (alcuni molto famosi, altri quasi sconosciuti) che hanno tante storie da raccontarci. Come sono nati, cosa hanno vissuto, perché sono in pericolo. L'Italia, con 47 siti inseriti, è il Paese al mondo che ha più siti nella Lista (il 5% del totale).

Per entrare a far parte del Patrimonio dell'Umanità la procedura è un po' lunga. Le amministrazioni locali devono preparare dei complessi dossier in cui specificano che i siti proposti rispondo ai vari criteri di eleggibilità decisi dall'UNESCO. Una volta vagliati i documenti, l'UNESCO visita i luoghi e se dà l'assenso definitivo, il sito viene inserito nella Lista.

Da lì inizia l'avventura di cui tutti noi siamo i protagonisti.

Come avrete capito, quindi, questi siti appartengono pure a voi e se volete sapere qualcosa di più sulle meraviglie che vi circondano cliccate qui e scoprirete i luoghi più belli della nostra Terra (il sito è solo in inglese o francese).

Se invece volete sapere di più sull'UNESCO Italia e conoscere le sue iniziative cliccate qui (ma non cercate di me. Sono Ispettore e devo viaggiare in incognito).

 

 


Il logo della serie disegnato
da NIM

 

 

© 2007 Il mondo di Mauro & Lisi
web master: Lisi & Co.